Stress e burnout



Stress: imparare a riconoscerlo per gestirlo al meglio

stress

 

Lo stress è diventato il compagno di viaggio per la maggior parte di noi.

Alcuni studiosi lo hanno paragonato ad un killer che agisce silenzioso, lentamente: lo stress si accumula nel corso del tempo. Spesso sottovalutiamo o ignoriamo le piccole tensioni di tutti i giorni fino a quando la nostra salute subisce un contraccolpo tale per cui non è più possibile ignorare quello che sta succedendo.

Approfondimento

STRESS LAVORO CORRELATO

 

Pensi di essere stressato?

Vuoi verificare il tuo livello di stress?

Rispondi al nostro questionario!

 

QUESTIONARIO STRESS

 

Per saperne di più… 

 

COS’È LO STRESS?

Una semplice definizione di stress è

una tensione interiore che si origina quando dobbiamo adattarci alle pressioni che agiscono su di noi

Naturalmente è importante sottolineare che ognuno di noi riesce a tollerare un livello diverso di tensione; ci sono persone capaci di vivere in modo soddisfacente nonostante siano afflitte da importanti problemi familiari o professionali, mentre altre si sentono schiacciate da questioni di importanza modesta.

 

GLI STRESSOR

E’ importante imparare a distinguere tra STRESS e STRESSOR. 

Lo stress, come abbiamo già detto, è la tensione che si genera in noi. Selye, che fu il primo a introdurre il concetto di stress, definì lo stress come

una condizione aspecifica che permette all’organismo di adattarsi a qualunque sollecitazione gli venga imposta

Lo stressor invece può essere definito come

uno stimolo di varia natura – fisico, ambientale, metabolico, culturale, psicologico, affettivo –  che genera stress nell’organismo

Come si può capire leggendo le due definizioni, che evidentemente sono strettamente correlate tra loro, si parla di stress in senso generale, e non con una connotazione necessariamente negativa: lo stress infatti è una risposta ad uno stimolo, e come tale fondamentalmente neutro. 

Si può infatti distinguere tra “stress buono” (o eustress, dal greco eu-buono) e  “stress cattivo” (o distress) a seconda di come reagiamo allo stimolo e al tipo di agente stressante (stressor).

Ecco quindi che appare chiaro come il concetto di stress sia estremamente soggettivo (lo stesso agente stressante può generare eustress o distress in persone diverse e nella stessa persona a seconda “di come viene vissuto”).

Ma quali sono gli stressor, gli agenti stressanti?

L’elenco è potenzialmente infinito: abbiamo detto che stressor è qualunque stimolo che genera una sollecitazione all’organismo!

Per praticità dividiamo gli stressor – escludendo quelli fisici e metabolici –  in tre macro categorie:

  1. Eventi – grandi e piccoli – imputabili all’ambiente esterno
  2. Stili di vita, atteggiamenti, idee riconducibili al carattere e alla struttura di personalità
  3. Eventi connessi all’ambiente di lavoro

In particolare l’ultima categoria – il lavoro – ha un ruolo fondamentale nella vita di ciascuno di noi, e come tale è una potenziale fonte di stress molto importante. È possibile individuare e comprendere le pressioni a cui siamo esposti nella nostra vita professionale rispondendo a questo questionario.

 

COME SI MANIFESTA? I SINTOMI DELLO STRESS

Il primo passo per gestire lo stress è imparare a riconoscerlo, anche se ciò non è sempre facile in quanto siamo portati a sottovalutare i nostri ritmi e a non riconoscere i segnali di allarme.

Un ruolo importante in questo processo di sottovalutazione deriva dal nostro stile di vita; l’importanza che rivestono per ciascuno di noi doveri e impegni riducono sempre di più lo spazio che possiamo dedicare a noi stessi.

Bisogna ricordarsi che le piccole tensioni si sommano nel tempo (effetto accumulo); di conseguenza c’è il rischio di non accorgersi di quanto sta accadendo fino a quando salute, stato emotivo, rapporti relazionali non iniziano a deteriorarsi.

L’elenco degli indizi che ci possono aiutare a capire il grado di stress che stiamo sopportando è molto vasto;  quando  gli effetti dello stress diventano evidenti comportano delle reazioni su tre piani diversi:

  • Fisico
  • Psicologico
  • Comportamentale

È possibile testare il nostro grado di esposizione allo stress verificando la presenza di alcuni tra questi sintomi rispondendo a questo questionario.

 

CHE COSA FARE?

Rassegnarsi a sentirsi sempre “sotto pressione”, oppure imparare a conoscerne le dinamiche per poterlo gestire ed evitare che diventi un problema per la salute e l’attività professionale?

È possibile intervenire, in modo pratico e mirato con il supporto di un professionista, imparando a riconoscere le fonti dello stress nella vita professionale, a gestirlo nell’immediato e sul lungo periodo, “facendo il punto” con noi stessi, con la nostra carriera e con i nostri ritmi di vita, in modo da ritrovare la giusta motivazione e il ritmo per realizzare ciò che ci siamo prefissati.

Contattaci

STRESS AIUTO

Se credi che quello che hai letto ti riguarda…

Se vuoi saperne di più…

 

Contattaci per fissare un appuntamento!

 

CHIAMACI ORA!

 

 

 

Autore: .